CHALCHIUHTLICUE (Gli dei dei Mexica)

I Mexica meglio conosciuti per aztechi dominarono il Messico centrale tra il 1300ca e il 1521 anno dell’invasione da parte degli spagnoli della loro capitale, Tenochtitlán.
Essi credevano che tutti gli aspetti della vita e della natura fossero sotto la tutela di dèi e dee specifici. La cosmologia dei mexica sosteneva che gli dèi anziani avessero creato quattro ere precedenti, o “Soli”, ciascuna dei quali si era conclusa con una distruzione totale. Vivevano quindi con la paura della fine della quinta era del Sole, che avrebbe coinciso con il ritorno del dio Questzalcoatl, il serpente piumato, che ci si aspettava giungesse via mare da Occidente. L’ultimo governatore dei mexica, Montezuma II, individuò erroneamente nel conquistatore spagnolo Hernan Cortés il ritorno di Questzalcoatl, accelerando solo in modo marginale la fine del quinto Sole e garantendo la distruzione della civiltà dei mexica.
Il Messico è una regione incline ai disastri naturali – terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni e siccità – nei quali i mexica vedevano la dimostrazione della fragilità del mondo e presagi di catastrofi imminenti. Cosicché svilupparono un rapporto unico e di reciproca dipendenza con le loro divinità, che non potevano sopravvivere senza l’intervento umano. Onde assicurare la sopravvivenza del quinto Sole, essi dovevano fare in modo che gli dèi restassero forti, offrendo loro il tonalli, o forza vitale, delle vittime sacrificali, che potevano essere guerrieri nemici, schiavi, o mexica scelti per caratteristiche particolari che facevano di loro delle vittime sacrificali ideali da destinare a una data divinità.
CHALCHIUHTLICUE
Dea delle acque, dei torrenti e delle tempeste. Chalchiuhtlicue, “colei che indossa una sottana di giada”, è spesso raffigurata con un rivolo d’acqua che fuoriesce dalla sottana – un simbolo della fertilità nata dalle acque. E’ anche la protettrice delle levatrici e del parto.
Curiosità: cinque delle 20 grandi celebrazioni del calendario azteco furono dedicate a Chalchiutlicue e suo marito (o fratello) Tlaloc. Durante queste celebrazioni, i sacerdoti si tuffavano in un lago e imitavano i movimenti e il gracidare delle rane, sperando che portasse la pioggia.
Tratto da “Simboli esoterici” di Eric Chaline
Vuoi intraprendere un vero e proprio percorso sciamanico? Visita: https://giosuestavros.it/video-corsi/
Vuoi saperne di più sullo sciamanesimo? Ti consigliamo di leggere i nostri libri disponibili in tutte le librerie comprese quelle online: https://amzn.to/2NeI4UB
Seguici sul nostro canale Telegram. Un luogo libero dove anche tu puoi dire la tua : https://t.me/ilviaggiosciamanico